CAPI SQUADRA. IMPORTANTI NOVITA’!

capi

Concorso Capo Squadra decorrenza 2020 e mobilità personale anziano. Resoconto dell’incontro che si è tenuto oggi 15 settembre.

Le problematiche che affrontiamo sono il frutto di un riordino subito dai Vigili del Fuoco ed imposto in maniera unilaterale, che non solo ha creato forti penalizzazioni ed ha compresso le carriere (questo è quello che succede quando si operano scelte senza ascoltare il sindacato), ma ancora oggi i Vigili per poter beneficiare di quell’unico passaggio di qualifica che gli è concesso, dopo 25 anni di servizio,  sono costretti a dover elemosinare un pasto caldo o una brandina perché hanno già sulle spalle un affitto, un mutuo o magari i figli da mantenere all’università e nonostante tutto sono ancora lì, parcheggiati, ad attendere un agognato ritorno a casa! Questa la posizione della UIL PA VVF.

Dal momento che abbiamo un Capo Dipartimento ed un Capo del Corpo che hanno dichiarato di sostenere i Vigili del Fuoco, allora dobbiamo tutti insieme rivendicare la nostra specificità in quanto la UIL PA VVF ritiene offensivo ed inammissibile che davanti all’esigenza di un intervento normativo, la politica si volti dall’altra parte con sfacciata indifferenza, la riduzione della durata del corso, scelta condivisibile o meno, doveva essere prevista da un provvedimento emanato direttamente dal governo e non costringendo ad elemosinare un emendamento che non ha fatto altro che farci perdere del tempo, anche se probabilmente questo è servito a farne guadagnare su altri fronti.

Temiamo che ben presto l’amministrazione si ritroverà nelle stesse identiche condizioni degli autisti, perché lo stimolo che spinge i vigili a subire simili umiliazioni sta per terminare, nel preciso momento in cui non solo ci si trova dinnanzi ad una evidente sproporzione tra le gravose responsabilità a cui si è esposti ed un trattamento economico che non rende giustizia a questo personale, ma anche perché la scelta della sede dopo il corso di formazione è uno schiaffo in faccia rispetto alla necessità di scelte che devono essere attentamente ponderate, così come di schiaffo in faccia si può parlare per quell’interpretazione di una contorta stesura lessicale del bando che ha determinato lamentele sul calcolo del doppio diploma.

Abbiamo dunque ribadito la nostra richiesta di una mobilità straordinaria per tutti i Capi Squadra, senza però penalizzare nessuno e quindi adottando ogni provvedimento, e ce ne sono, per preservare i comandi che potrebbero subire difficoltà.

Ci sono amministrazioni che dal lontano 1997 sfornano riordini delle carriere, sanatorie e correttivi ai riordini, quindi per la UIL PA VVF occorre che l’amministrazione ci appoggi nella richiesta alla politica di un correttivo al riordino con le necessarie risorse, anche perché l’assurda compressione delle carriere penalizzerà centinaia di Vigili che non potranno mai diventare Capi Squadra, che comunque servono alla piena funzionalità del corpo sempre in affanno sotto questo aspetto, cominciando a chiedere con fermezza una sanatoria.

L’Amministrazione ci ha informati che domani verrà pubblicata la graduatoria del concorso Capi Squadra, che il corso si terrà ai poli didattici ed inizierà il 27 settembre, terminando il 17 dicembre, data in cui l’Amministrazione vorrebbe avviare la scelta sede, per poi procedere, dopo il 6 gennaio, alla mobilità del personale anziano, mentre quella per le isole minori è prevista per il mese di ottobre. Verrà inoltre reso disponibile uno stanziamento di ore di straordinario per garantire il dispositivo di soccorso. Sarà nostra cura tenervi aggiornati.

Resoconto riunione capi squadra 15092021