LA BOZZA DI MOBILITA’ NON CONVINCE LA UIL PA VVF PERUGIA

Egregio comandante,
vista la bozza di mobilità del personale graduato Cr/Cs inviata il 23 maggio u.s., la scrivente O.S. osserva una discrepanza nella disponibilità dei posti disponibili e delle sedi.
Infatti si ricorda che il numero di graduati in forza al comando di Perugia consente con l’imminente mobilità di garantire il numero minimo degli stessi presso tutte le sedi decretate nella pianta organica nazionale; inoltre anche con l’imminente mobilità del personale vigile permanente è possibile garantire sempre di gran lunga l’organico minimo su tutte le sedi decretate.
Si ricorda che la riparazione e l’assegnazione del suddetto organico è normata come materia sindacale, e che quindi la SV ha l’obbligo di rispettare le dovute relazioni sindacali.

Per quanto sopra, con la presente la informiamo che qualora bozza della mobilità dovesse divenire Ordine del giorno, senza aver convocato un tavolo tecnico con le OO.SS, come peraltro già chiesto nell’ultima video conferenza e considerato che la SV in tale occasione non ha provveduto né a registrare e nè a stilare un documento di sintesi contenete la richiesta da questa Organizzazione sindacale avanzata, la scrivente si vedrà costretta ad attuare tutti gli strumenti che il diritto sindacale ci attribuisce, anticipandole che nel caso sarà anche avanzata richiesta per il risarcimento di tutti i danni economici che tale azione provocherà ai colleghi per il ritardo degli spostamenti.
In attesa di un sollecito riscontro si porgono cordiali saluti.

Osservazioni proposta di mobilità interna personale Capo Reparto e Capo Squadra