LA VOCE DELLA PIAZZA ARRIVA AL SENATO! NO DELLA UIL PA VIGILI DEL FUOCO A QUESTA BEFFA. COMUNICATO STAMPA

DECRETO GRADUAZIONE INCARICHI

Avviare subito un tavolo contrattuale per evitare questa assurda ripartizione che penalizza tutti, giovani ed anziani. Il personale più esposto al rischio quello più bistrattato da una logica di confronto con altri Corpi dello Stato diversi per ordinamento, funzioni, progressioni di carriera, età media d’ingresso, previdenza e molto altro ancora”.

Questa la sintesi dell’intervento della Uil PA Vigili del Fuoco nel corso dell’audizione, che ha sollevato anche il problema dell’assurdo obbligo di permanenza di cinque anni nella sede di prima assegnazione che ha mandato per aria il sistema delle mobilità incentrato sull’anzianità di servizio e che creerà situazioni di ingiustificato scavalco.

Poveri oggi, ancora più poveri domani, a causa di un impianto normativo che ha letteralmente ignorato il grave problema pensionistico omettendo ogni intervento previdenziale” queste le dichiarazioni a caldo dopo l’audizione.

Poi il sindacato dei Vigili del Fuoco rincara la dose “Abbiamo rappresentato al Senato la voce dei Vigili del Fuoco, la voce della piazza, la voce della Uil PA Vigili del Fuoco! Guai ad escludere il Sindacato. Si è trattato infatti di un disastro annunciato, nel preciso istante in cui è stato impedito al sindacato di svolgere il suo ruolo, il risultato è ora sotto gli occhi di tutti! Ora è compito della politica rimediare non solo a questo grave errore, ma anche a quelli di un recente passato con un necessario correttivo al riordino. E’ ora di restituire ai Vigili del Fuoco la dignità che meritano! Vogliamo fatti e non parole, vogliamo portare al tavolo contrattuale la voce dei Vigili del Fuoco”. La Uil PA Vigili del Fuoco c’è, al vostro fianco, sempre e comunque!

comunicato stampa audizione